Passa ai contenuti principali

Post

il post

La regione crede nel capoluogo

Catanzaro e la metropolitana di superficie. Siamo riusciti ad abbassare il livello culturale della politica e dell'impegno sociale ancora una volta. Evviva!


La pubblicità è l'anima del commercio. Gli spot pubblicitari e gli slogan sono pieni di retorica e assurdi rimandi a qualcosa di più alto. Qualcosa che la Politica non sa “servire” nei fatti ma che tenta di fare vedere e passare per buone le azioni e i pensieri di leader e partiti appena si avvicinano le scadenze elettorali.

L'impatto è singolare: i due cartelloni piantati a bordo strada coi cespugli che proliferano indisturbati enfatizzano gli accordi tra la regione Calabria e la città capoluogo. Azioni che in condizioni normali non dovrebbero essere enfatizzate perché sarebbero la conseguenza logica di uno dei tanti risultati della saggezza amministrativa e della buona politica. E invece no! Tutto lascia pensare che siamo, probabilmente, alle solite azioni propagandistiche preelettorali.
Proposte di intenti che fo…
Post recenti

Dedicato a Pasquale.

La vita ci riserva delle gioie immense che ci illuminano l’anima e dei dolori, che alla mia età sono difficili da superare, specie quando si tratta di persone che vengono a mancare e con le quali hai condiviso, nella quotidianità lavorativa, problemi e momenti conviviali lieti. Caro Pasquale, stamane mi hanno informato, e non ti nascondo che dolore ho provato, che ti eri incamminato lungo il sentiero che conduce al Padre Celeste. Hai lasciato in lacrime la tua favolosa famiglia, alla quale hai dedicato tutta la tua vita. Anche noi, colleghi e amici non riusciamo a crederci, non rivedremo il tuo sorriso e non sentiremo più le tue parole che scaturivano dai tuoi stati d’animo a volte sereni a volte tormentati. Eterno Padre accogli tra le braccia e custodisci questo figlio che sicuramente ha da offrirti tutta la sua vita e la sua dedizione ai suoi cari e al prossimo. Cara Pina, cara Antonella e caro Giovanni se a sera  doveste rivolgere lo sguardo al cielo sicuramente vedrete una stella…

SALVINI NON MI RAPPRESENTA!

Credevo di non scrivere più della “bossi-fini” e similari. Credevo che i tempi fossero cambiati in meglio e che la storia cucita sulla pelle degli emigranti italiani costretti a mettersi in viaggio verso terre sconosciute dalla crisi del dopoguerra fosse diventato un tatuaggio indelebile nel cervello e nel cuore oltre che sulla pelle dei migranti e dei figli. Un tatuaggio per non dimenticare! Una sorta di promemoria ma non è così. E allora rispolveriamo la storia:

All'epoca della fame, nell'immediata ricostruzione, molti uomini, ragazzini, donne, intere famiglie specialmente del nord e particolarmente del Veneto andarono a guadagnarsi il pane nelle miniere di Marcinelle. Entravano bianchi e uscivano neri! Dentro e fuori neri a causa del carbone estratto.
Erano altri tempi. Tempi pianificati dagli accordi tra gli Stati. Vero Salvini? (... anche quelli erano accordi capestro per i poveri cristi che firmavano la loro condanna senza condizionale. Tempi duri e azioni estreme det…

Tim, con una mano prende e l'altra pure

Brava Tim! Complimenti per come sai aggirare le leggi. Nel ripristinare il canone in base alle sacrosante mensilità annuali come imposto dalla legge a seguito delle proteste di utenti e associazione dei consumatori ecco tirata fuori la geniale strategia: dal 1° aprile c'è un aumento del quasi 8% e dal 1° luglio un aumento mensile di 2,50€. però, l'azienda delle telecomunicazioni, che ha eretto nel tempo il suo impero con il contributo dello Stato italiano, chiarisce nelle comunicazione agli utenti che, si può recedere dal contratto senza penali ma continuando a pagare le rate del modem fino alla scadenza insieme alle altre eventuali promozioni attive sulla linea. Ma, scusate: se un utente passa ad altro operatore che se ne fa del modem tim e le altre promozioni in atto?
C'è da dire per amore di chiarezza che nella sua infinità magnanimità, tim, fa persino lo sconto sulla disattivazione a seguito del diritto di recesso per eventuale passaggio ad altro operatore entro il 30…

Sergio Mattarella, grande saggio

Mattarella, il grande saggio.
Pacatamente, il presidente della repubblica Sergio Mattarella sta riportando nell'alveo costituzionale le intemperanze di Salvini e Di Maio.
I due hanno lavorato al contrario rispetto alle direttive dettate dalla nostra costituzione. Cioè, hanno prima stilato la lista dei ministri e designato il premier piuttosto che lasciare il compito al presidente della repubblica che ne ha diritto e modo istituzionale nel conferire incarichi e ruoli.
Come si è visto nella giornata di ieri, il Capo dello Stato, che continua a ripetere: "governo politico o urne" ha incontrato nel pomeriggio il leader del M5s. Poi ha visto anche il premier tecnico in pectore, Carlo Cottarelli, per un incontro "informale" dopodiché è stato deciso che il presidente del Consiglio incaricato non sarebbe tornato in serata per sciogliere la riserva. In questo lasso di tempo le notizie si sono rincorse e rimbalzate l'una sull'altra. Salvini gioca le sue carte.…

Sospesi

Dalla lira all'euro. Dalla tutela delle persone all'egemonia dei mercari. Italia ieri e oggi.
Breve riassunto delle ultime ore politiche prima della formazione del nuovo governo:
Giuseppe Conte, l'avvocato degli italiani, ha rimesso il mandato nelle mani del presidente della repubblica Mattarella. Mattarella ha tentato di conferire l'incarico ad una vecchia conoscenza; Carlo Cottarelli, noto per essersi impegnato in passato a tagliare gli sprechi nella pubblica amministrazione. Dopo l'incarico, Cottarelli, è ritornato dal presidente Mattarella ma senza farsi vedere dai giornalisti e senza dire niente al Paese. Ancora latita. Le voci sono molte. C'è chi dice che sta tentando di fare quadrare il cerchio dei ministri e chi sostiene che forse darà al Paese la possibilità di un governo politico e non tecnico.
Cosa significa tutto ciò?
Di sicuro qualcosa è andata storta se i mercati e le borse stanno penalizzando l'Italia e quanti hanno investito in bot e btp. L…

Conte, l'avvocato degli italiani

La strada verso il potere è cosparsa da insidie. Trabocchetti, strategie destabilizzanti, notizie falsate volutamente da chi non vuole lasciare il campo libero alle nuove opportunità sono giochetti vecchi ma sempre validi. Dopo 80 giorni dalle elezioni, che hanno indicato i 5 stelle e la destra con Salvini leader primi partiti, e circa un'ora e mezza di colloquio tra il presidente Sergio Mattarella e Giuseppe Conte designato dalle due forze i governo guidate da Di Maio e Salvini, la strategia della disinformazione manipola e destabilizza tutti. Mercati e industriali influenzano i pareri e le certezze dei cittadini vacillano insieme ai consumi. Verità ambigue. Verità a senso unico. Verità invere.
Mattarella dal canto suo non può certo dare l'incarico di governo ad un portavoce di strategie già assodate che sembrano andare contro agli accordi europeisti o contro la tav. o peggio, contrari alle cieche strategie del pareggio di bilancio. Ci avevano già provato i greci con l'…

Giuramento di Ippocrate e etica nelle nuove leve

Allora, com'è la situazione? Radici scoperte! Ci sono due molari e due premolari. La gengiva si è ritirata e questo provoca il fastidio agli alimenti freddi o troppo caldi. E qual è il rimedio? -chiedo preoccupato- Si devono ricoprire. Facciamolo! Quanto ci vuole? Guarda, “lui” chiede 100€ a dente ma siccome sei tu ti faccio il 50%. D'accordo. Lo puoi fare adesso? Sì. due te li faccio adesso e gli altri due giovedì prossimo.
È così che inizia il mio tormento provocato dall'insipienza di uno pseudo “professionista” che, guarda un po', volevo aiutare nella sua nascente avventura.
Lo conosco da quando è nato. Perché non dargli una mano? -mi son detto- Non l'avessi mai fatto! A seguito del suo intervento il fastidio si è trasformato in dolore lancinante che andava a toccare persino l'orecchio. Faccia gonfia e mandibola dolorante inducono a chiamarlo di domenica ma nessuna risposta al telefono e neppure al messaggio scritto. Quattro giorni di inimmaginabile dolore …

Pino Nisticò, la Calabria migliore

ROMA . 27/2/18. Palazzo Chigi. Sala degli arazzi.

Il nostro conterraneo, uomo di scienze e politico, Giuseppe Nisticò, ex presidente della Regione Calabria è fra i destinatari delle Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana consegnate lo scorso 27 febbraio, nella sala degli Arazzi di Palazzo Chigi dalla sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi.


L'Alta onorificenza è stata conferita a 12 cittadini italiani che “si sono distinti nell'arco della loro vita con l’impegno personale e l’attività svolta, per il contributo dato all'avanzamento economico, intellettuale, culturale e sociale dell’intero Paese”. Queste le motivazioni date da Maria Elena Boschi.

Il nostro conterraneo ha ricevuto l'alta onorificenza di Cavaliere di Gran Croce del Presidente della Repubblica insieme al Maestro Ennio Morricone, Brunello Cucinelli, Luciano Violante, Livia Turco, Franco Massi e Giuseppe Tartaglione.

Le motivazioni alla base del conferimento dell’onorificenza …

Dedicato a mamma Natuzza

Installazione per la mistica di Paravati.
Umiltà e tenacia nella vita semplice di mamma Natuzza che per ribadire la sua povertà e impotenza umana nei confronti del supremo Amore ripeteva spesso: “Sono un verme di terra. Su 'na grasta rutta... (sono un vaso di terracotta rotto) io non posso fare altro che pregare la Madonna e il bambino Gesù. Io non posso niente. È lui che può fare tutto. Queste frasi le ricordo bene. Le ripeteva in pubblico e in privato e quando la gente le chiedeva “il miracolo” in preda alla disperazione le esortava a pregare e avere fede.


L'esempio e le parole della mistica prendono forma nell'installazione. E mentre lavoro una voce interiore sembra guidare le mie azioni.
Assemblo gli oggetti che ho a disposizione: l'anfora rotta ( a grasta); una pianta grassa (fico d'india) e la terra. E l'angioletto seduto sul globo che guarda pensieroso il prodotto terreno.

La forma solida dell'anfora del vino italo-greca fa riaffiorare alla mente …