Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Ponte sullo stretto?

Il progresso è inarrestabile non per definizione e neanche per voleri personali o politici ma in certi casi, come in quello che vede l'annosa diatriba tra i promotori del ponte sullo stretto di Messina e quanti sono contrari per differenti e rispettabili motivi, la realizzazione di quello che dovrebbe essere, nei fatti, il prodotto infrastrutturale del progresso civile e tecnologico sembra diventare un'impresa impossibile. Quasi una chimera irrealizzabile a prescindere dalle volontà dei cittadini.
Eppure infrastrutture analoghe, per imponenza strutturale, impatto ambientale e benefici alla collettività, in altre parti del mondo sono attivi da decenni.

In Giappone, terra altamente sismica e sferzata dai venti oceanici, abbiamo un esempio:
Alto 282,8 metri e lungo 3.911. La sua campata principale è lunga ben 1.991 metri. Inaugurato il 5 aprile 1998, unisce la città di Kōbe sull'isola di Honshū all'isola Awaji.
Se consideriamo che la distanza tra la costa calabrese e qu…

Novità assoluta, Renzi e il ponte Rc-Me

Non ho pregiudizi! Per questo ho aspettato prima di fare analisi. Ho atteso che il tanto osannato Monti facesse vedere in pratica a noi miseri ignoranti le sue manovre e attuasse la sua mirabolante agenda. Adesso come in passato posso affermare, considerati i fatti, che ha fatto pura macelleria sociale. Lui e la sua ministra. Entrambi hanno saputo tagliare i “privilegi” dei poveri ma non hanno saputo opporre resistenza ai forti detentori dei veri privilegi dalle parcelle e dai sussidi dorati.
I governi che si sono succeduti, specie quello attuale a guida Renzi/Napolitano, mantengono gli assetti consolidati dai potentati industriali e dai lobbisti.

Italia America andata e ritorno + smarriti che mai

Tra presidenziali americane e referendum italiano regna il più alto smarrimento, perciò,
Me lo sono perso volentieri il confronto tra Hilary e Donald anche perché in Italia abbiamo il nostro bel problema che non è per nulla trascurabile.
Anche se l'America condiziona la politica di mezzo mondo e quindi quanto accade in USA riguarda per riflesso anche noi non me la sono sentita di aspettare le tre della notte per assistere allo show. Mi era bastato il servizio dell'inviata di Riccardo Jacona per fugare, semmai ce ne fosse stato bisogno, l'idea di Trump presidente della potenza economica e politica americana.
Impossibile pensarla nelle mani di un fanfarone che sa solleticare l'ombellico delle masse impaurite e incolte.

V X Elettra. Sole a picco.

Sabato 24 SETTEMBRE 2016 alle ore 21.30, al Teatro Comunale di Badolato (Teatro del Carro - Residenza Teatrale Badolato MigraMenti Off) , mi sono recata con molto entusiasmo, soddisfatta poi dalla encomiabile performance delle attrici, allo studio teatrale “V x ELETTRA. SOLE A PICCO”

Per l’appunto uno studio su due Elettre, realizzato dalla Compagnia Odysseia Teatro.
Con Carolina Cametti e Elisa Menchicchi.
Elaborazione drammaturgica Paola Tarantino, Elisa Menchicchi, Carolina Cametti e
Aiuto regia: Diletta Acquaviva
Luci: Valentina Belli
Ideazione e regia: Paola Tarantino
Durata 50’ minuti

La serata è stata dedicata a Francesca, Lorena, Pasquale e Vittoria, quattro giovani amici del teatro scomparsi in un incidente stradale verificatosi nei pressi della zona in agosto.

Come si ricorderà il mito di Elettra evoca il desiderio di vendetta verso torti subiti.

Polpettone al forno, buono economico veloce

Sì il cervello gira. Gira per valutare come portare qualcosa in tavola. Qualcosa che sia gradito e che non costi molto. Ecco, per accontentare tutti, grandi e piccini, oggi facciamo le polpette fritte.
Costo e ricetta sono alla portata di tutti, almeno per ora.


Necessita, per 4/5 persone, mezzo chilo di carne tritata; un quarto di pane duro, raffermo, di qualche giorno, da mettere in una bacinella con dell'acqua; un ciuffo di prezzemolo; uno spicchio di aglio; formaggio pecorino grattuggiato; un uovo fresco.


Altro che ripresa economica

1/2kg di carne macinata, un po' di pane raffermo. Un pugno d'olive. Mezzo chilo di pomodori, qualche foglia di basilico. Un peperone. E il pranzo è servito.


In tempi di restrinzione economica riscoprire l'economia domestica insegnata dalle mamme è un imperativo categorico da seguire diligentemente!
Negli anni sessanta le casalinghe spaccavano il capello in quattro per mettere qualcosa in tavola spendendo poche lire.
La carne sulle tavole dgli operai era difficile da vedere sottoforma di bistecca. E anche quando si era ammalati o convalescenti non c'era. Al massimo si poteva optare per il pollo. Oppure con della carne di terzo taglio da fare al sugo, ossa comprese. Magari, qualche mamma riusciva a prendere un po' di macinato misto di maiale e bovino che, impastato con del pane raffermo e qualche uovo, esibiva in tavola delle gustosissime polpette fritte.

Lumache in trappola

Tempo di lumache. (qui i suggerimenti per cuocerli secondo un'antica ricetta calabrese)
È consuetudine incontrare, dopo la pioggia, i venditori di lumache che, come le lumache, qui da noi, sono disseminati in ogni dove.


Per strada, davanti alle attività commerciali e nei centri nevralgici che offrono servizi pubblici, i venditori, fermi coi loro vasconi sporchi di fango, indaffarati a tirare giù con le mani i fuggiaschi, invitano i passanti a comprare i molluschi.”accattati accattativilli. Vermituri, mussimonddhj, vovalaci... belli 'nta sarza ccu nu pipareddhuzzu piccanta, suffrijuti ccu l'agghiu e na pampina e lauru... signo' veniti veniti pigghjiativilli ch su duci nu zuccaru..”
Nel piazzale del centro commerciale, una donna cinese strofina i bordi della sua bacinella con del limone. Il suo raccolto è misero. 5, 6 chili al massimo. Le lumache si accalcano verso la libertà ma si ritraggono appena sfiorano l'invisibile barriera acidula.
La donna non grida. Aspetta…

Yogurt ai probiotici fatto in casa

Yogurt ai probiotici.
Oggi ho voluto cambiare fermenti lattici. Ho adoperato quelli della farmacia al posto dello yogurt intero del supermercato. Non che quest'ultimo non andasse bene ma perché ho voluto sperimentare.
Ho trovato in frigo una confezione di integratori alimentari a base di fermenti lattici e probiotici. Tentare non nuoce. Male che va' spreco un litro di latte. Ho pensato tra me mentre aprivo la bustina coi fermenti lattici liofilizzati e li versavo in un boccaccio di vetro colmo di latte.

Migranti, gli unici a sperare

Quattro conti in casa Italia:
Economia domestica.
Dopo il salasso dell'aci sono arrivate le bollette della luce. Nella bolletta della fornitura per residenti la voce “abbonamento canone rai” di 20,00€ fa lievitare la spesa e sommando le varie voci si arriva ad un totale di 134€.
E' cara! Considerando di non avere vissuto la casa perché altrove. (Ancora posso permettermi di spostarmi sulla “seconda casa” almeno per un mese!). Contrariamente agli anni passati, in questo mese di agosto ho prestato moltissima attenzione al consumo elettrico: ho staccato lo scaldabagno durante il giorno nella fascia oraria più costosa ed ho sostituito tutte le lampade a incandescenza con quelle a risparmio energetico. I risultati ci sono stati. ho risparmiato, rispetto all'anno scorso, sempre nel mese di agosto, circa 100€. e nonostante nella bolletta della “seconda casa” non ci sia il canone rai e nonostante tutte le attenzioni prestate la bolletta equivale a € 141. Cosicché nel bilancio f…

Yogurt fatto in casa in pochi secondi

Fare lo yogurt in casa? Semplice!
Ho imparato a farlo seguendo i consigli di un amico che me ne ha decantato le qualità organolettiche e salutari di questo alimento antichissimo ma poco usato nelle abitudini alimentari occidentali e mediterranee.
Ricordare che prendendo questa abitudine si ottiene un elevato risparmio economico è poca cosa rispetto all'enorme beneficio salutare che si ripercuote sull'organismo. Quindi, stomaco e colon, ossa, denti, capelli, pelle rinvigoriscono. Ma per simili induzioni si rimanda alla lunga e esauriente ricca documentazione in rete.

Veniamo adesso alla preparazione:

GLI INVISIBILI

Siamo tutti invisibili!


Anche se abbiamo un corpo coperto con vestiti griffati o presi nei centri di raccolta per proteggerci dal freddo. Anche se possediamo pigmenti razziali diversi. Anche se qualcuno ne ha fatto una ideologia. E pensa di essere migliore, superiore all'altro. Anche se... veniamo da altre terre, culture e religioni differenti, davanti al potere, al cieco potere affaristico, siamo fantasmi da derubare. Immolare. Migranti erranti da vendere

Tasse e balzelli, bollo auto

Una volta per sempre devo smettere di vivere nel caos e mettere un po' di ordine nelle carte. Devo archiviare diligentemente almeno le ricevute delle tasse pagate per evitare di pagarle due volte.


Già l'arrivo del postino che anticipa al citofono una raccomandata a tuo nome non prefigura niente di buono. Il cuore va a mille. E fino a quando non hai tra le mani la missiva immagini chissà quali e quante infrazioni fantasiose ti notificano e devi arginare, perché, sì, non avendo mani in pasta in nessuna azione criminosa e avendo ottemperato a tutte le disposizioni dettate dal vivere civile si è comunque costretti a stare sul chi va là.

differenziata: dov'è il giallo?

Così, tanto per dire, ma il cestino giallo per raccogliere la plastica e i metalli dov'è? ci hanno fatto lo sconto?
Va bene che gli spazi sono risicati nelle case e nei balconi e quindi avremmo fatto volentieri a meno di questi ingombri ma se c'è una disposizione comunale deve essere fedele in ogni aspetto!
La differenziata è partita con ritardo, anche nella zona sud di Catanzaro, con qualche bidone in meno e qualche disagio per gli anziani che faticano ad abituarsi a conferire negli appositi cassonetti i rifiuti domestici differenziati come esige la normativa.

Mors tua vita mea

La tua morte è la mia vita!
Sembra essere il pensiero imperante contemporaneo che domina tutti. Politici. Imprenditori. E gente comune. Il sociale non esiste. E quello che è mio non si tocca!
I confini territoriali sono ritenuti in assoluto off limits. Siano essi geografici o commerciali. Non possono sfuggire al controllo autoctono dei capi branco. Il territorio deve essere protetto da chiunque possa comprometterne la stabilità e la supremazia del capo.
È davvero misero colui o colei che alza scudi, muri fisici e barriere ideologiche all'imprevisto. Al nuovo. Alle nuove esigenze delle singole persone e dei popoli oppressi da fame e miseria.
Ho incontrato uomini e donne di diverse razze. Alcuni di questi, nobili nell'animo, portano con loro la propria cultura con estrema dignità. Propongono mercanzie o servigi accompagnandole col sorriso. E anche davanti ai ripetuti dinieghi continuano a mostrare solarità positiva.
Altri mendicano. Altri ancora infrangono le leggi. E c'è p…

Diversamente Uomini

Piove! Ancora la temperatura si mantiene moderatamente nei limiti estivi. Mentre passo in macchina, direzione Marina di Catanzaro, vedo sul pavimento della pensilina tre persone stese a terra chiusi nei sacchi nonostante siano le 10 del mattino, mentre un'altra conserva il materasso incastrandolo tra le assi del tetto. Qualcun altro raccoglie le sue povere cose e li stiva nello zaino. Sono tutti di colore!
E mentre cammino lentamente penso alla Gran Bretagna che dopo l'uscita dall'Unione Europea decide di gettare un casino di sterline per impedire ai profughi di entrare nel suo territorio frapponendo tra sé e loro un muro alto 4metri e lungo quel tanto che basta affinché nessuno entri senza permesso.

Le Zagare: cortesia e professionalità

Lungo la vecchia strada per Squillace, a qualche centinaio di metri dal bivio degli svincoli aperti recentemente dall'anas che, finalmente, bypassano cruciali nodi di frenetica viabilità interna, superata qualche curva, sul lato sinistro della strada appare l'insegna del ristorante/pizzeria le Zagare.
Nella vallata che tende verso il mare scorre il torrente Alessi e sul declivio, tra qualche frammento dell'antico agrumeto, il ristorante Le Zagare.
Da tempo immemore noi calabresi siamo coscienti che la raccomandazione migliore quella che fa più effetto di ogni altra e che sta sopra le parti deriva dalla qualità del lavoro svolto.  Ed è su queste basi che nasce la volontà di scrivere della professionalità riscontrata nel ristorante Le Zagare.
I piatti tradizionali mantengono alta la definizione lessicale del termine. E la pizzeria, che prediligo, è da me sempre apprezzata. Se dovessi consigliarne qualcuna?
La pizza bardascina, dalla sottile sfoglia ben dorata, con su mo…

Intelligenza artificiale nemicamica

LA DITTATURA DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE FARA' SOCCOMBERE L'UOMO COMUNE E le sue abitudini, l'organizzazione sociale del lavoro e la relativa gratificazione che ne deriva?


Non resta che tornare alla coltivazione della terra se vogliamo sopravvivere e arginare l'avanzata irresistibile delle nuove tecnologie applicate al mondo del lavoro. Questa sembra essere la soluzione al futuro per le nuove generazioni. Secondo alcuni ricercatori scientifici in un futuro prossimo l'intelligenza artificiale ruberà moltissimi lavori all'uomo.

I senzatetto a Catanzaro Lido

DALL'AFRICA COME LE RONDINI
Nelle ore di punta entrare in Marina con la macchina significa affrontare stress inutili. 
E chi può farlo, Per evitare di mettere a dura prova il sistema nervoso e risparmiare anche l'automobile, quindi motore meccanica e carburante, lascia la macchina nei pressi della stazione e arriva in piazza a piedi. Lo faccio anch'io.
Mentre costeggio la pensilina in legno adiacente l'aria del polifunzionale noto una cumulo di escrementi. Alzo lo sguardo e vedo il nido delle rondini incastonato tra una trave e le tavole del tetto. E fin qui nulla di strano.

Nativi curiosi

Oggi i bambini nascono con gli occhi aperti e non chiedono "perché" ma come.
Come funziona il touchpad e il touch-screen. E come mai gli uccellini non sono nel nido.
Andiamo per ordine. Cecilia ha appena 2 anni e si interessa di ogni cosa nuova che le cade vicino.
L'altro giorno ha visto un frigo portatile, una di quelle borse termiche rigide che un tempo costruiva la "moplen" del gruppo Montedison e che trovò il suo massimo impiego negli anni 70. Ho rispolverato il pezzo d'antiquariato industriale per trasportare agevolmente dei surgelati e poi l'ho lasciato in un cantuccio.
La piccola Cecilia lo osserva è chiede: come funziona? Non nego che mi ha disarmato.
Possibile, mi son detto, che una bimba così piccola abbia uno spirito d'osservazione così sviluppato? Dopo te lo spiego! Le risposi. Trascorsa mezz'ora e non avendo esaudito la sua curiosità, Cecilia trova un altro interlocutore a cui porre la stessa domanda e finalmente ottiene …